Riparare un condizionatore: fai da te o tecnico professionista?

  • admin
  • Febbraio 6, 2019
  • Commenti disabilitati su Riparare un condizionatore: fai da te o tecnico professionista?

Come riparare un condizionatore: chi chiamare e come fare?

Possono verificarsi numerosi problemi al condizionatore. In ogni caso, un guasto è frequente, soprattutto quando il condizionatore è utilizzato spesso. Per esempio, non è solo un’apparecchiatura da sfruttare in estate, per refrigerare la casa. Se è presente la funzione per togliere l’umidità, possiamo farne un frequente uso anche in inverno.

Uno dei modi per accorgersi subito se qualcosa non va è osservare come rinfresca la stanza. Molti clienti ci chiamano dicendo: il condizionatore non refrigera più, che cosa possiamo fare? Be’, dipende dal guasto e da come possiamo migliorare la situazione.

In molti casi ci limitiamo a pulire il filtro. Questa operazione è indispensabile per prevenire la rottura definitiva del condizionatore. Perché? Dal filtro, infatti, passa l’aria: ha il compito di immettere nelle stanze un’aria più fresca e sicuramente salubre.

Quando nel filtro si annida lo sporco, le polveri, i germi e i batteri, allora il condizionatore faticherà a raffreddare la stanza e al contempo rilascerà un cattivo odore. Diventerà, in sostanza, un agente inquinante.

Con il tempo, una cattiva manutenzione può compromettere in modo piuttosto serio la funzionalità del condizionatore.

È possibile riparare un condizionatore con il fai da te?

Su internet, si trovano decine di modi per riparare il condizionatore con il fai da te. In alcuni casi – e solo in alcuni! – ovvero quando si hanno delle conoscenze meccaniche e manuali, possiamo procedere con la riparazione da soli.

Tuttavia, il rischio è di peggiorare la funzionalità dello stesso e dovere pagare molto di più per ripararlo. La prima cosa che consigliamo sempre di fare è procedere con la manutenzione ordinaria e straordinaria.

In cosa consistono?

La manutenzione ordinaria è abbastanza classica: si procede con la pulizia dell’esterno e dell’interno del condizionatore. È importante anche controllare lo stato di usura di ogni componente del condizionatore. Infatti, basta che un singolo componente sia usurato per creare dei problemi all’interno del meccanismo.

Dopodiché, c’è la pulizia del filtro, che deve essere fatta almeno una volta all’anno. Spesso, un condizionatore si rompe o funziona in modo insolito proprio per questo motivo, perché il filtro è saturo di sporco.

C’è anche da considerare che, con il filtro sporco, spenderete molto di più sulla bolletta. Il condizionatore richiederebbe una maggiore portata dell’energia elettrica. E, infine, la stanza si raffredderebbe di meno.

Non è semplice procedere con la riparazione o la sostituzione di un componente all’interno dell’apparecchiatura. Essendo un meccanismo delicato, bisogna prestare attenzione a una moltitudine di cose.

Rivolgiti ai nostri servizi: ripariamo il tuo condizionatore in pochissimo tempo

Il nostro lavoro è di garantire un condizionatore alla massima efficienza. Ci occupiamo nello specifico di manutenzione, di riparazione, di sostituzione e di controllo del gas e del condensante.

Se sospettate che il vostro condizionatore non funzioni più con la solita potenza, allora vi invitiamo a telefonarci per prendere un appuntamento. Se invece il condizionatore si è rotto, potete richiedere il Pronto Intervento. Soprattutto in estate, con la calura e le alte temperature, non è sempre possibile sopportare il caldo in casa.

Che cosa farà il nostro tecnico professionista? Farà un controllo totale dell’impianto, cercando di comprendere la causa della rottura.

  • Procederà con la pulizia del filtro;
  • Controllerà e pulirà il condensatore e l’evaporatore;
  • Farà un controllo della pressione.

In questo modo sarete certi che il condizionatore tornerà a funzionare come prima. Per ogni ulteriore informazione o dubbio, potete telefonarci, oppure inviarci una e-mail. Avremo cura di rispondere a ogni vostro quesito.

Riparare il condizionatore è essenziale per evitare, dunque, di spendere molto di più sulla bolletta elettrica e soprattutto per respirare aria pulita e priva di germi e di batteri.